Forum LEADER 2024

mercoledì 22 novembre 2023

Presentazione Forum LEADER 2023 e inaugurazione della Mostra  | Sala Colonna, sede IUAV Tolentini Venezia

La mostra presenta un insieme di buone pratiche, realizzate dai GAL italiani nell’ambito delle politiche di sviluppo rurale. Complessivamente sono 46 le iniziative prese in considerazione, proposte da 23 GAL rappresentativi di 12 Regioni italiane.

I progetti selezionati sono stati esposti mediante una video-presentazione, dedicata ai quattro ambiti tematici approfonditi nelle sessioni plenarie del Forum.

Interventi
Alberto Ferlenga (Presidente Fondazione IUAV Curatore della mostra L.E.A.D.E.R.)
Filippo Tonero (Presidente VeGAL)
Francesco Musco (Forum LEADER 2023 Direttore Ricerca IUAV)

giovedì 23 novembre 2023

Sessione Plenaria | Aula Magna, sede IUAV Tolentini Venezia

Il Forum LEADER Giovani
Avviato in forma sperimentale nel 2022, il Forum giovani è proseguito anche nel corso del 2023 con il supporto e il sostegno della Rete Rurale Nazionale (RRN-Rete LEADER) e della Scuola Italiana di Sviluppo Locale (SISL), come occasione per lasciare spazio anche nuove generazioni, a cui spetta il compito di proseguire il cammino con nuove idee, impulsi ed energie.
Il Forum Giovani 2023 ha visto coinvolti 28 giovani (di età tra i 19 e i 29 anni), provenienti da ben 9 regioni diverse (Abruzzo, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Sicilia, Umbria e Veneto), che hanno avuto la possibilità di presentare presso l’Aula Magna dell’Università IUAV di Venezia i progetti sviluppati dal 19 al 22 novembre 2023 in 4 laboratori tematici territoriali tenutisi in altrettanti territori di GAL italiani, con l’obiettivo di proporre dei progetti in stile smart village, che permettano di favorire lo sviluppo di nuove idee volte a rendere le aree rurali più accoglienti, competitive e sostenibili. Grazie alla guida di esperti e la visita di esperienze esemplari nei territori di alcuni GAL italiani, i partecipanti hanno approfondito la propria conoscenza sulle politiche e sugli strumenti UE per promuovere lo sviluppo locale e hanno avuto la possibilità di toccare con mano esperienze concrete realizzate (e da realizzare) a livello locale.
Nell’ambito del Forum LEADER Giovani 2023 sono stati presentati i seguenti progetti: 

  • “Smart Family”, risultato del laboratorio «Innovazione e professionalità, lavoro e inclusione», tenutosi nei territori del GAL Valle Brembana 2020 (Lombardia) e realizzato dal gruppo composto da: Tommaso Fumagalli, Alex Gallina, Giuseppe Riparo, Michele Speciale, Marta Tosi e Anna Valk;
  • “EcoForeST” (Energia Compensazioni Formazione Salute Turismo), risultato del laboratorio «Esperienze di valorizzazione del patrimonio forestale: biomasse, servizi ecosistemici e contrasto al deperimento forestale», tenutosi nei territori del Lago di Como GAL (Lombardia) e realizzato dal gruppo composto da: Erica Abbiati, Fabiola Brambilla, Davide D’Orazio, Francesco Fanelli, Salvatore Realmuto, Luigi Vallome e Francesco Vintaloro;
  • “PelliceLab (PLab)”, risultato del laboratorio «Idee giovani: progettare uno Spazio Generativo» tenutosi nei territori del GAL Escartons e Valli Valdesi (Piemonte) e realizzato dal gruppo composto da: Gionata Odasso, Alberto Damiani, Gianmarco Evangelisti, Cristoforo Cristian Musso, Alessia Nalbone, Riccardo Prosperi, Gioanna Serio e Chiara Zannelli;
  • “Giovani dentro – Senza chiudere la porta”, risultato del laboratorio «Riabitare i territori periferici» tenutosi nei territori del GAL Maiella Verde (Abruzzo) e realizzato dal gruppo composto da: Walter Balicco, Gabriele Cianca, Antonio Maria Correnti, Nicoletta Di Placido, Giulia Marino, Guido Sannino e Stefano Trapletti.

La commissione per la valutazione dei progetti del Forum LEADER Giovani 2023, composta da Chiara Salerno (CREA ― Rete Rurale Nazionale L.E.A.D.E.R.), Nadia Di Liddo (GAL Ponte Lama) e Marta Anello (GAL Valle d’Aosta), ha premiato come miglior progetto della next gen il progetto PelliceLab, del laboratorio “Idee giovani: progettare uno spazio generativo” che si è tenuto presso il GAL Escartons e Valli Valdesi.

Il video del Forum LEADER Giovani a Venezia (RRN)

L’IMPATTO DEI GAL NELLO SVILUPPO TERRITORIALE VALUTAZIONI SULL’EFFICACIA DELL’APPROCCIO L.E.A.D.E.R. 
La sessione plenaria di apertura del Forum Leader 2023, tenutasi presso l’Aula Magna della Sede IUAV dei Tolentini è stata aperta da Giancarlo Pegoraro, Direttore di VeGAL e coordinatore del Forum LEADER 2023, cui sono seguiti gli interventi di Raffaella di Napoli, in rappresentanza della Rete Rurale Nazionale e del CREA e di Alberto Ferlenga in rappresentanza dell’Università IUAV.
Tema principale della sessione plenaria è stato quello dell’efficacia e degli effetti del metodo LEADER nell’attuazione di progetti di sviluppo attraverso politiche bottom up. Secondo il quadro concettuale proposto dall’Helpdesk europeo di valutazione per lo sviluppo rurale negli orientamenti per la valutazione di LEADER/CLLD, oltre alla valutazione dell’efficacia si può parlare anche del valore aggiunto creato dal mondo LEADER rispetto agli altri interventi della politica di sviluppo rurale: un valore aggiunto che deriva, in particolar modo, dalla combinazione del miglioramento del capitale sociale, della governance, e dei risultati, intesi come impatto dei progetti nei territori.

Con uno sguardo alla prossima programmazione, la politica LEADER dovrà contribuire a rendere le aree rurali più accoglienti, attrattive e sostenibili per attrarre (e trattenere) residenti nelle aree rurali. Il successo di questa politica di sviluppo locale deriva dalla sua resistenza trasversale a tutti i periodi di programmazione e dalla capacità di uscire dal campo delle politiche rurali. Un successo coadiuvato da tutti i GAL, che fungono da “registi” di queste politiche, e che si compone di una continua riflessione, autovalutazione e correzione. Questa edizione rappresenta, infatti, un momento di transizione nella quale emerge la necessità di ragionare su una ‘architettura’ dei territori rurali che si snodi su quattro grandi direttrici di lavoro, proposte durante le sessioni parallele di giovedì 23 e venerdì 24 novembre 2023.

Servizio AskaNews per Il Sole 24 Ore

Sessioni parallele | sede IUAV Ca’ Tron, Venezia

“Valorizzazione del patrimonio naturale, paesaggistico, storico-culturale e delle risorse ambientali”

Presentati i progetti selezionati, in materia di valorizzazione del patrimonio naturale, paesaggistico, storico-culturale e delle risorse ambientali. È in gioco la capacità dei contesti locali di esprimere una progettualità che effettivamente valorizzi l’unicità dei luoghi, attraverso: la progettazione di percorsi ciclo-pedonali; la digitalizzazione dell’informazione turistica; la riqualificazione di centri storici e manufatti edilizi-architettonici; la conoscenza della architettura rurale minore; iniziative di riscoperta di paesaggi; introduzione di festival; recupero della memoria storica dei luoghi e sostegno del turismo culturale; costruzione di reti di accoglienza in una visione di sistema e ad una scala più ampia di quella del Comune.

Coordinamento prof. Francesco Marangon (Università di Udine)

  • Realizzazione di piazzole per mobilità sostenibile ed e-bike nei 22 Comuni del GAL Alta Marca Trevigiana: intervento di Flaviano Mattiuzzo – GAL Alta Marca Trevigiana;
  • Parchi didattici nell’Alta Marca Trevigiana: intervento di Flaviano Matiuzzo – GAL Alta Marca Trevigiana;
  • Orizzonti Rurali: intervento di Aleš Pernarčič – GAL Carso;
  • Cammino dei Picentini un HUB strategico per la promozione turistica del territorio: intervento di Eligio Troisi – GAL Colline Salernitane;
  • Costa dei Trabocchi: intervento di Carlo Ricci – GAL Costa dei Trabocchi;
  • Il Delta del Po: un tesoro da svelare al mondo: intervento di Angela Nazzaruolo – GAL Delta 2000;
  • I Borghi dei racconti: intervento di Carmine Pignata – GAL I Sentieri del Buon Vivere;
  • La Bosa: intervento di Stefano Stranieri – GAL MontagnAppennino;
  • P-Art Valle: intervento di Marta Ratti Carrara – GAL Brembana 2020;
  • Recupero strutturale e funzionale in Alpe Zana: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Restauro conservativo di dipinti devozionali: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Itinerari di mobilità cicloturistica per la scoperta dei luoghi: intervento di Roberto Pescarollo – VeGAL.
  • Le vie d’acqua come strumento di mobilità: intervento di Paolo Ziliotto – VeGAL.

“Diversificazione e innovazione dell’economia locale” 

Presentati i progetti selezionati, in materia di diversificazione, integrazione e innovazione dell’economia locale attraverso un ventaglio ampio di azioni, riconducibili a: forme tradizionali e nuove di agriturismo; la definizione di itinerari turistici e percorsi culturali, che mettono in relazione eventi e diverse risorse dei territori; la creazione di servizi di accoglienza turistica per utenze diversificate e con servizi molteplici; recupero strutturale e funzionale di immobili.

Coordinamento prof. Gianluca Brunori (Università di Pisa)

  • Carso: Trieste.Green: intervento di Aleš Pernarčič – GAL Carso;
  • Rete di e-bike del Carso: intervento di Aleš Pernarčič – GAL Carso;
  • Turismo per tutti: intervento di Carlo Salot – GAL Escartons e Valli Valdesi;
  • Progetti di comunità: FOR.SA: intervento di Stefano Santarelli – GAL Start;
  • Servizi per il territorio dal recupero di aree degradate: intervento di Tiziano Cinti – GAL Terre di Preg.Gio;
  • Recupero strutturale, restauro e risanamento conservativo della Stalla Grande a fini didattici realizzato dal FAI: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Recupero e valorizzazione cicloescursionistica della Strada vicinale del Calvario: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • OltreLario – una nuova strategia per valorizzare le Terre Alte: intervento di Patrizio Musitelli – GAL Lago di Como;
  • Quando l’arte contemporanea incontra l’agricoltura: intervento di Marco Dal Monego – VeGAL;
  • Valorizzare i luoghi di ispirazione letterari: intervento di Simonetta Calasso – VeGAL.

venerdì 24 novembre 2023

Sessioni parallele | sede IUAV Ca’ Tron, Venezia

Sessioni parallele

“Sistemi locali del cibo, distretti, filiere agricole e agroalimentari” 

Presentati i progetti selezionati, con focus sul cibo, dal punto di vista dell’offerta e della domanda. Condividono un approccio rispettoso della sostenibilità, operando all’interno di sistemi locali del cibo, di distretti, con una particolare attenzione ad alcune filiere agricole e agroalimentari. Il ventaglio di azioni selezionate è riconducibile a: comunicazione alimentare e ambientale; promozione di prodotti tipici anche attraverso l’introduzione di brand; sperimentazione di forme di gestione che mettano in relazione domanda e offerta e gli attori lungo le filiere (distretto del cibo, parco alimentare, distretto di qualità alimentare); servizi per garantire una maggiore sostenibilità di alcune filiere alimentari.

Coordinamento Daniela Toccaceli (Accademia dei Georgofili)

  • Creazione e avvio del Distretto del Cibo della Marca Trevigiana: intervento di Michele Genovese – GAL Alta Marca Trevigiana;
  • Terre Ospitali … il gusto dell’accoglienza: intervento di Patrizia Di Fazio – GAL Castelli Romani e Monti Prenestini;
  • Distretto Agroalimentare di Qualità Di Nocciola di Giffoni I.G.P.: intervento di Eligio Troisi – GAL Colline Salernitane;
  • Organizzazione dell’accoglienza turistica delle aree interne della provincia di Chieti: intervento di Carlo Ricci – GAL Maiella Verde;
  • Solunto. Una porta d’ingresso del Distretto AgriCulturale: intervento di Salvatore Tosi – GAL Metropoli Est;
  • Percorso multisensoriale dalla terra al mare intervento di Nadia Di Liddo – GAL Ponte Lama;
  • Ciliegia delle Terre di Bari: intervento di Nadia Di Liddo – GAL Ponte Lama;
  • Mercatorum intervento di Patrizio Musitelli – GAL Valle Brembana 2020;
  • Orobikeando: il turismo rurale cresce con le due ruote: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Un parco alimentare in un paesaggio di bonifica, basato sulle aziende agricole: intervento di Francesco Finotto – VeGAL.

“Innovazione ed inclusione sociale, miglioramento dei servizi per la popolazione e degli spazi di vivibilità collettiva”

Presentati i progetti selezionati, in materia di innovazione e inclusione sociale, miglioramento dei servizi per la popolazione e degli spazi di vivibilità collettivi attraverso interventi di: agricoltura sociale; rigenerazione di borghi rurali e centri storici; progettazione di edifici e servizi inclusivi; animazione, networking, istituzione di imprese sociali; percorsi per consentire a categorie fragili una più ampia accessibilità ai luoghi; servizi che facilitino le relazioni tra città e campagna e l’accessibilità al cibo.

Coordinamento Saverio Senni (Università della Tuscia)

  • I Borghi Maestri dei Monti prenestini… isole di rigenerazione: intervento di Patrizia Di Fazio – GAL Castelli Romani e Monti Prenestini;
  • Foyer una comunità per la comunità: intervento di Carlo Salot – GAL Escartons e Valli Valdesi;
  • B.I.S. – Buone Inclusivo Sostenibile: intervento di Carlo Salot – GAL Escartons e Valli Valdesi;
  • ASSI: l’agricoltura come spazio ideale per integrare persone a rischio di marginalità: intervento di Andrea Brogioni – GAL Far Maremma;
  • OFF. Officina Sociale La Faglia: intervento di Adolfo Fabrizio Colagiovanni – GAL Molise verso il 2000;
  • POPMOlise. Festival Sfuso del Molise POPolare: intervento di Michele Fratino – GAL Molise verso il 2000;
  • Orizzonti Rurali-una best practice lombarda per recuperare il rapporto storico-culturale tra la città e il territorio rurale circostante: intervento di Stefano Leva – GAL Risorsa Lomellina;
  • La Casa provinciale dell’accessibilità di Montagna: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Sentieri Di Comunità. Alla scoperta di itinerari di media montagna in Valmalenco: intervento di Gianluca Macchi – GAL Valle dei Sapori;
  • Dare valore ad un centro storico. Il caso della città di Portogruaro: intervento di Giancarlo Pegoraro – VeGAL;
  • Il faro di Bibione come Landmark: intervento di Cinzia Gozzo – VeGAL.

Ciascuna delle quattro sessioni parallele si è conclusa con un momento di dibattito, che ha visto coinvolti 17 soggetti provenienti da istituzioni, enti, associazioni di categoria, associazioni, imprese, sindacati,  osservatori, rappresentanti simbolici delle realtà a livello nazionale, regionale e locale con le quali i GAL interagiscono su base quotidiana, coinvolti in un confronto aperto con i tecnici dei GAL presenti durante il Forum, offrendo spunti sulla base delle loro funzioni, la co-partecipazione con le attività dei GAL e/o come attuatori, partner o destinatari di progetti di sviluppo locale: Isabella Andrighetti (Touring Club Italiano), Francesco Antonich (Confcommercio Veneto), Rita Boccardo (Osservatorio Nazionale Paesaggio), Benedetta Castiglioni (Università di Padova), Daniele Colombo (Genagricola), Andrea Crestani (ANBI), Piero Decandia (Legambiente), Moreno De Col (CNA Veneto), Roberta Lazzari (Unioncamere Veneto), Franco Menazza (CISL Veneto), Barbara Nappini (Slowfood Italia), Maria Rosa Pavanello (ANCI Veneto), Umberto Pizzinato (Confartigianato Veneto Orientale), Federica Senno (CIA Veneto), Stefano Stanghellini (Istituto Nazionale di Urbanistica – INU), Renzo Trevisin (Federazione degli ordini dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali del Veneto), Alex Vantini (Coldiretti Veneto).

Sessione Plenaria | Aula Magna, sede IUAV Tolentini Venezia

La sessione plenaria finale è stata introdotta dall’intervento del dott. Gionata Asti – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione della Regione del Veneto e seguita da quelli di Valeria Garibaldi – Fondazione Cariplo e di Raffaella Di Napoli – RRN-CREA, che hanno offerto contributi e suggerimenti particolarmente utili in questa fase di transito, per il passaggio tra la chiusura dei piani 2014/22 e l’apertura della nuova programmazione 2023/27 e come un momento caratterizzato da significativi cambiamenti economici e sociali.

Il Forum LEADER 2023 si è concluso con una riflessione sul futuro delle aree rurali, svolta in tre fasi:

  • con una riflessione finale con alcuni ospiti, nella sessione plenaria di venerdì pomeriggio 24 novembre, coordinata dalla prof.ssa Matelda Reho di IUAV che ha aperto alcuni scenari di riflessione, di particolare utilità in questa fase di avvio della nuova programmazione, ma anche di grandi cambiamenti economico, sociali ed ambientali;
  • una riflessione sugli esiti delle prime quattro edizioni del Forum LEADER a cura di Carlo Ricci (GAL Maiella Verde, Coordinatore Forum LEADER 2020), Nadia Di Liddo (GAL Ponte Lama, Coordinatore del Forum LEADER 2021), Patrizio Musitelli (GAL Valle Brembana, Coordinatore del Forum LEADER 2022) e Giancarlo Pegoraro (VeGAL, Coordinatore del Forum LEADER 2023) e un intervento finale di Eligio Troisi (GAL Colline Salernitane), futuro Coordinatore del Forum LEADER 2024;
  • un confronto finale con altri tre diversi approcci europei al mondo rurale selezionati per la Biennale dell’Architettura: sabato mattina 25/11/2023 i partecipanti al Forum hanno visitato i tre padiglioni del Portogallo (visita aperta), Spagna e Danimarca (visita riservata agli iscritti).

Tre riflessioni molto diverse (dall’approccio idrogeografico portoghese, al contesto agro architettonico spagnolo, al futuro delle aree costiere danesi centrato su sette principi basati sulla natura) utili per confrontare il modo di raccontare visioni e progetti nelle diverse interpretazioni curatoriali, tra installazioni, archivi, cortometraggi, opere d’arte, frutto di laboratori, assemblee di pensiero, seminari internazionali, lavori interdisciplinari. Ma anche occasione per una possibile sfida: con questo Forum (come lo scorso anno partì la prima edizione del Forum giovani) potrebbe partire un processo magari per una partecipazione collettiva alla prossima Biennale del 2025, aggiornando il set di casi studio, ma soprattutto arricchendo la capacità del sistema di raccontare e fare sintesi delle nostre esperienze necessariamente puntuali.